Impianti sottoperiostei nel terzo millennio

Martedì 26 Marzo 2019

Impianti sottoperiostei nel terzo millennio: le implicazioni della progettazione virtuale, della realizzazione in lega di titanio e dell’osteosintesi rigida

– Relatore: Dott. Francesco Daleffe con il Dott. Stefano Negrini
Partecipazione gratuita per i Soci ANDI
– La serata NON prevede l’attribuzione di Crediti ECM
– Sede: Sala Ippocrate – Ordine dei Medici di Bergamo (Via Manzù 25 Bergamo)
– Registrazione dei partecipanti: ore 20.30

Superfici sempre più favorevoli all’osteointegrazione ed il riconosciuto valore dell’interfaccia osso-impianto hanno permesso negli anni di produrre protocolli riabilitativi alternativi, con impianti inclinati o extramascellari. Ad ogni modo l’applicazione dei suddetti protocolli non è sempre possibile: si descrive una metodica implanto-protesica che rivisita il concetto di impianto iuxtaperiosteo, sviluppato secondo i moderni dettami di fissazione rigida, carico “load bearing”, progettazione virtuale e realizzazione custom computer-assistita. I vantaggi dell’ingegnerizzazione digitale in un progetto protesicamente guidato si propongono come efficace risposta, plastica, totalmente customizzabile e suscettibile di veloci adattamenti, a numerose situazioni di difficile se non impossibile protesizzazione. Il protocollo in oggetto vuole quindi proporsi come design per casi limite e può inoltre risultare meno tecnicamente impegnativo per il clinico, con minori tempi chirurgici e più agevole protesizzazione. Ulteriori studi, con adeguato follow up, potranno poi esprimersi sulla validità nel lungo termine di questa metodica.